aras edizioni
 
HOME CONTATTI REGISTRATI ACQUISTA
Autori
Bianco Elisa  
Elisa Bianco (Venezia, 1979), ha conseguita la Laurea in Lettere Classiche presso l’Università di Padova, ed il Master per l’insegnamento dell’Italiano L2 presso il medesimo ateneo. Ha insegnato vari anni presso il Center for Italian and European Studies della Boston University. Attualmente è dottoranda di ricerca in Storia e dottrina delle istituzioni presso l’Università dell’Insubria. Si occupa di storia bizantina e veneziana. 
Bonazzi Carla  
Carla Bonazzi si è laureata in giurisprudenza presso l’Università degli studi di Milano dove ha poi conseguito il dottorato di ricerca. Ha trascorso un anno in California, come visiting scholar, presso la Stanford Law School. Attualmente è avvocato in Milano. 
 
Bondi Alessandro  
Alessandro Bondi è professore associato di Diritto penale nell'Università di Urbino; dottore di ricerca in diritto penale italiano e comparato dell'Università di Pavia; ha studiato presso la Ludwig-Maximilians Universität di Monaco di Baviera e la Columbia University di New York. Tra le sue principali pubblicazioni, i volumi I reati aggravati dall’evento tra ieri e domani (1999), Problematiche dell’aggiotaggio. Questioni interpretative e necessità di riforma (2000), I Reati contro la pubblica amministrazione (2004, 2008), Stravaganze del diritto penale (2008); i saggi "Vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole" (Contributo allo studio del reato di false comunicazioni sociali) (2002), Philosophieverbot. L'agonia del diritto penale moderno (2006), Un pericoloso terrorista (2007), Il signore degli aggiotaggi (2009), La ricchezze delle sanzioni (2009), Le disposizioni sanzionatorie del Titolo I Capo IV Sez. I (2010). Per l'Università di Urbino, è responsabile dell'attività di ricerca e coordinamento con la Commissione parlamentare antimafia; del coordinamento della sezione penalistica internazionale Olympus- I.S.P.E.S.L sulla Riforma della disciplina della salute e sicurezza dei lavoratori; della sezione penalistica della scuola di specializzazione delle professioni legali. È responsabile e docente di diritto penale del Centro Studi Giuridici Europei "Paleari-Brulliard" dell'Università di Urbino e del Master in criminologia e psichiatria forense dell'Università degli Studi della Repubblica di San Marino. 
Bongelli Ramona 
Ramona Bongelli è ricercatrice di Psicologia Generale (M-PSI/01) presso l'Università degli studi di Macerata dove insegna Psicologia della Comunicazione ed è membro del Centro di Ricerca interdipartimentale in Psicologia della Comunicazione e Semiotica del Testo “J. S. Petöfi”. La sua principale attività di ricerca concerne lo studio della comunicazione verbale (scritta e orale) secondo una prospettiva pragma-linguistica. Il focus sui fenomeni di disfluenza comunicativa (interruzioni e sovrapposizioni dialogiche) si inserisce nel quadro di una più ampia attenzione che l’autrice rivolge all'organizzazione conversazionale in senso ampio (con Ilaria Riccioni nel 2008 ha pubblicato sull'argomento il volume dal titolo “La conversazione. Un modello di analisi integrato”) e si intreccia a un più recente interesse mostrato nei confronti di come chi parla o scrive comunica i propri atteggiamenti conoscitivi e negozia le proprie posizioni epistemiche (sull'argomento ha pubblicato, perlopiù in collaborazione con i colleghi Ilaria Riccioni e Andrzej Zuczkowski, monografie, curatele, capitoli di libri, e articoli su riviste). 
 
Bonvini Paolo 
Paolo Bonvini Architetto, già collaboratore di Giancarlo De Carlo negli anni 1989-92, è ricercatore universitario nel settore disciplinare ICAR 14 e docente di architettura e composizione architettonica nel corso di laurea in Ingegneria Edile-Architettura, Facoltà di Ingegneria, Università Politecnica delle Marche. 
Borsellino Maria Cristina 
Maria Cristina Borsellino ha formazione filosofica e psicologica. I relativi interessi spaziano dall’epistemologia alla storia e includono tecniche meditative di conoscenza del Sé di derivazione orientale. Da anni si occupa di mediazioni linguistiche e culturali.
 
 
Bounoure Gabriel 
Gabriel Bounoure, nato a Thiers nel 1886, muore nel suo ritiro bretone a Lesconil nel 1969. Resta uno dei più notevoli “passeur” tra la poesia orientale e la letteratura francese. Profondo confidente di spiriti anche diversi per natura letteraria come Jean Jouve, Char, Statié, Blanchot, Derrida, Massignon...
Pubblica, tra i numerosi saggi critici sui poeti, per sua volontà e con estrema difficoltà un unico libro "Marelles sur le parvis" (1958), sollecitato da Cioran, nella collana da lui diretta “Cheminement”.
«Chiunque interessato alla poesia dovrebbe leggere quel libro, in cui si sposano felicemente intelligenza e amore... tra i più bei testi dedicati al misterioso potere della poesia» (Jacottet) 
Bracceschi Francesca 
Francesca Bracceschi (1962) vive a Candelara assieme ai suoi due figli. È in questa cornice che scopre l’amore per la natura e per le piccole cose che rendono felici. Questo libro nasce dal fascino di un tramonto in un semplice pomeriggio d’estate. 
 
Brancati Corrado  
Corrado Brancati: nato ad Urbino il 6 giugno 1976 si è laureato con votazione di 110/110 e dichiarazione di lode alla facoltà di Giurisprudenza di Urbino il 22 marzo 2000, con una tesi dal titolo "Missio in possessionem: dalla pluralità dei casi all'unitarietà del fenomeno". Dal 2001 è titolare di un assegno di ricerca in diritto romano presso la facoltà di Giurisprudenza di Urbino. Ha pubblicato due articoli: Il carattere temporaneo della missio in possessionem e L'insegnamento, responsabilità per infortunio e rapporto contrattuale, in "Studi Urbinati", rispettivamente del 2000/01 e del 2002/03. Attualmente si occupa dell'approfondimento dei rapporti tra missio in possessionem e possesso. 
Brandi Cordasco Salmena Giovanni 
Giovanni Brandi Cordasco Salmena di SAN QUIRICO è allievo di ANNA MARIA GIOMARO con cui si è laureato summa cum laude nel 1994 (Problematiche garantistiche in rapporto alle procedure fallimentari romane classiche: origini, funzioni e riti della bonorum venditio). Assegnista, Dottore di ricerca e Docente di Magna Grecia e di Diritto romano ellenistico, afferisce al Dipartimento di Scienze Giuridiche "Collegio dei dottori 1506" dell’Università di Urbino “Carlo Bo”. Colloca i suoi studi nella tradizione del suo Maestro, volta, per la gran parte, alla ricerca del significato storico e sociale del diritto nella sua continua aderenza alla realtà quotidiana ed alla prassi (Il patto di riscatto nel diritto romano in Studi Urbinati 49 (2001); Sibari e gli alleati. L'egemonia di Timpone della Motta nel trattato di Olimpia con i Serdàioi, Lauropoli (2012); Le ξυμμαχίαι egemoniali come modello di relazione diplomatica, in Calabria Letteraria (2012), cui associa una basilare attenzione verso il sistema processuale romano (Critica ed anacratica di Gv. 18. 31 b. I poteri del Gran Sinedrio ai tempi della Procuratoria romana in Giudea in Studi Urbinati 58.2 (2007); Le inquietudini del Getsemani. Patologie del potere ed aporie funzionali nei processi romani contro i primi cristiani, I, Bari 2010; II, Bari 2012; De quadam sepoltura: la deposizione di Gesù nel sepolcro tra diritto e privilegio, in Vivarium (2010); La persistenza degli aspetti romani dell’accusatio patri vel mariti nella disciplina dell’adulterio. Carini riapre l’amaru casu di la barunissa in Calabria Letteraria (2010), anche nell’aspetto peculiare dell’esecuzione fallimentare classica (La Lex Iulia de bonis cedendis e le ipotesi alternative alla bonorum venditio, in corso di stampa). Ed ancora verso il processo muovono le sue riflessioni sulla nossalità romana quale caratteristica propria delle azioni penali, maturate, nel celebre corso di dottorato sulle obbligazioni tenuto dall’Università Magna Graecia di Catanzaro (Struttura e funzioni dell'abbandono nossale. La condanna: problemi ed ipotesi tra sanzioni di autentica e falsa nossalità) e nelle attività delle Università di Amburgo, Münster e del Leopold Wenger Institut für Rechtsgeschichte di Monaco. Né gli risulta estranea una vivace curiosità per le diverse espressioni del vivere civile nel mondo antico (Enotri e greci sul Timpone della Motta tra marginalità ed integrazione. Continuità storica ed evoluzione degli istituti giuridici, in Magna Grecia (2001); Fortuna e miserie dei Sanseverino di Bisignano in Atti del IV Convegno dell’Accademia della Motta, I, Roma, 2006 (vincitore del Premio Troccoli Magna Grecia 2006); II, Roma, 2006; III, Lauropoli 2012). 
 
  1 | 2 | <3> | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 |
tutti i diritti riservati © Aras Edizioni srl - Via Einaudi, 6/A - 61032 Fano (PU)
c.f./p.i. 02436870410 - Registro Imprese di Pesaro-Urbino n. 02436870410 - R.E.A. n. 181530